Non si raccolgono gli ultimi campi di soia, mais e riso, ma, soprattutto, non si seminano frumento e orzo.

Situazione difficile nella cascine milanesi, lodigiane e brianzole per la continua pioggia di queste settimane. A causa del fango è difficile, se non impossibile, per gli agricoltori entrare nei campi con i trattori per concludere i raccolti di mais, soia e riso, e seminare i cereali vernini e gli erbai.

“A essere danneggiati sono soprattutto le colture autunnali – spiega il presidente di Cia Provincia Centro Lombardia Paolo Maccazzola – le cui semine sono avvenute solo in minima parte ed è stato spesso danneggiato dalla troppa acqua. In molto casi sarebbe opportuno riseminare orzo, frumento, ma continua a piovere.

Nel milanese abbiamo problemi anche con le ultime risaie, il settore aveva già subito danni per le piogge e temporali all’inizio dell’annata, per poi riprendersi, e adesso è di nuovo penalizzato. Per la soia e il mais ci sono campi che, vista la situazione di presenza di fango e maturazione avanzata delle piante andranno alla distruzione”.