Assegno nucleo familiare


Che cos’è
L’assegno per il nucleo familiare (ANF) costituisce un sostegno per le famiglie dei lavoratori dipendenti e dei pensionati da lavoro dipendente, i cui nuclei familiari siano composti da più persone e che abbiano redditi inferiori a quelli determinati ogni anno dalla Legge. 

Chi può usufruire dell’assegno
L’ANF spetta ai lavoratori dipendenti, ai lavoratori domestici, ai lavoratori iscritti alla gestione separata, ai titolari di pensioni, ai titolari di prestazioni previdenziali e ai lavoratori in altre situazioni di pagamento diretto. 

Come viene calcolato
L’ANF viene calcolato a seconda: della tipologia di nucleo familiare, del numero dei componenti e del reddito complessivo del nucleo stesso. Inoltre, per i nuclei familiari in situazioni di disagio (come, ad esempio, i nuclei monoparentali o con familiari con disabilità) sono previsti importi e fasce reddituali più favorevoli. L’importo dell’assegno è pubblicato annualmente dall’INPS in tabelle di validità dal 1° luglio di ogni anno al 30 giugno dell’anno seguente. (circ. Inps n.84 del 23/05/2013)

Caratteristiche del nucleo familiare
L’ANF spetta al nucleo familiare che ha le seguenti caratteristiche:


    • richiedente lavoratore o titolare della pensione;

    • coniuge che non sia legalmente separato, anche se non convivente, o che non abbia abbandonato la famiglia (gli stranieri poligami nel loro paese possono includere nel proprio nucleo familiare solo una moglie);

    • figli ed equiparati maggiorenni con disabilità, purché non coniugati;

    • figli ed equiparati di età inferiore a 18 anni;

    • figli ed equiparati di età superiore ai 18 anni compiuti ed inferiore ai 21 anni compiuti, purché facenti parte di “nuclei numerosi”, ovvero nuclei familiari con almeno 4 figli tutti di età inferiore ai 26 anni;

    • fratelli, sorelle e nipoti (che possono essere collaterali o in linea retta non a carico dell’ascendente) del richiedente, minori o maggiorenni disabili, solo nel caso in cui essi siano orfani di entrambi i genitori, non abbiano conseguito il diritto alla pensione ai superstiti e non siano coniugati;

    • nipoti in linea retta di età inferiore a 18 anni a carico dell’ascendente.



Si rammenta che per “equiparati” ai sensi dell’art.38 del DPR 26.4.1957, n.818, si intendono i figli adottivi ed affiliati, quelli legalmente riconosciuti o giudizialmente dichiarati, quelli nati dal precedente matrimonio del coniuge, i minori regolarmente affidati dagli organi competenti a norma di legge nonché i nipoti viventi a carico degli ascendenti anche se non formalmente affidati (sentenza Corte Costituzionale n.180 del 12-20 maggio 1999).

Come effettuare la domanda per l’assegnazione
La domanda per l’assegnazione dell’ANF deve essere presentata ogni anno a cui si ha diritto:


    • al proprio datore di lavoro se il richiedente è un lavoratore dipendente, utilizzando il modello ANF/DIP (SR16). In tale caso, il datore di lavoro deve corrispondere l’assegno per il periodo di lavoro prestato alle proprie dipendenze, anche se la richiesta è stata inoltrata dopo la risoluzione del rapporto nel termine prescrizionale di 5 anni.

    • all’INPS se il richiedente è: addetto ai servizi domestici, operaio agricolo dipendente a tempo determinato o lavoratore iscritto alla gestione separata (ovvero se ha diritto agli assegni come beneficiario di altre prestazioni previdenziali).


È possibile inoltrare la domanda per l’assegnazione dell’ANF presso gli uffici del Patronato INAC di Cia Mi-Lo-Mb. In alternativa, il richiedente può inoltrare la richiesta direttamente sul sito internet www.inps.it o contattando il numero verde INPS 803164 da rete fissa o il numero 06164164 da rete mobile a pagamento secondo la tariffa del proprio gestore telefonico.

Attenzione
Qualsiasi variazione intervenuta nel reddito e/o nella composizione del nucleo familiare, durante il periodo di richiesta dell’ANF, deve essere comunicata entro 30 giorni.
Se la domanda viene presentata per uno o per  più periodi pregressi, gli arretrati spettanti vengono corrisposti nel limite massimo di 5 anni (prescrizione quinquennale). 

Tipologia di assegno

 


Assegno familiare colf

Domanda con pagamento diretto da parte di Inps, il richiedente deve avere la contribuzione versata per poter fare la richiesta, quindi non può essere presentata prima di luglio.
Documenti necessari da allegare alla domanda online:
esempio per periodo 2016/2017:

  • FOTOCOPIA CARTA D’IDENTITA’, CODICE FISCALE, PERMESSO SOGGIORNO DI TUTTO IL NUCLEO

  • CERTFICATO DI FREQUENZA ALLA SCUOLA PER ANNO SCOLASTICO 2016/2017

  • MODELLO ANF43 (AUTORIZZAZIONE) SE CONVIVENTI, SEPARATI O DIVORZIATI

  • CUD REDDITO ANNO 2015.

  • BOLLETTINI INPS 1° E 2° TRIMESTRE 2017 + 3° E 4° TRIMESTRE 2016

  • SR163 “IBAN BANCA O POSTA con timbro e firma”.

  • AUTOCERTIFICAZIONE STATO DI FAMIGLIA

*PER COLF CHE DEVONO CHIEDERE AUTORIZZAZIONE ALLEGARE TUTTI I DOCUMENTI INDICATI SOPRA ALLA DOMANDA ONLINE


Assegno nucleo familiari vedovi/e

  • FOTOCOPIA CARTA IDENTITA’, CODICE FISCALE, PERMESSO DI SOGGIORNO

  • CERTIFICATO MEDICO SS3

  • MOD. 730 CON REDDITO DAL 2014 IN POI.

  • DATA DI MORTE ___________.


Assegno familiare gestione separata

Per questa domanda si tiene conto dell’anno solare, quindi da gennaio a dicembre, perciò può essere presentata la domanda solo l’anno successivo. Il pagamento è diretto da parte di Inps.
Documenti necessari:

  • FOTOCOPIA CARTA D’IDENTITA’, CODICE FISCALE, PERMESSO SOGGIORNO DI TUTTO IL NUCLEO

  • CERTFICATO DI FREQUENZA ALLA SCUOLA PER ANNO SCOLASTICO RICHIESTO

  • MODELLO ANF43 (AUTORIZZAZIONE) SE CONVIVENTI, SEPARATI O DIVORZIATI

  • REDDITI RELATIVI AI DUE ANNI PRECEDENTI OLTRE A QUELLO OGGETTO DI RICHIESTA

  • DATA ISCRIZIONE ALLA GESTIONE

  • SR163 “IBAN BANCA O POSTA con timbro e firma”

  • AUTOCERTIFICAZIONE STATO DI FAMIGLIA


Assegno familiare dipendenti

Domanda da presentare al datore di lavoro con modello INPS SR16
Documenti necessari per la compilazione di tale modello:

  • FOTOCOPIA CODICE FISCALE DI TUTTO IL NUCLEO

  • MODELLO ANF43 (AUTORIZZAZIONE) SE CONVIVENTI, SEPARATI O DIVORZIATI

  • MODELLO CUD, MODELLO 730 O UNICO PER ANNI RICHIESTI


Assegno familiare coltivatori diretti

Per questa domanda si tiene conto dell’anno solare, quindi da gennaio a dicembre, perciò può essere presentata la domanda solo l’anno successivo. Il pagamento è diretto da parte di Inps.
Documenti necessari:

  • FOTOCOPIA CARTA D’IDENTITA’, CODICE FISCALE, PERMESSO SOGGIORNO DI TUTTO IL NUCLEO

  • CERTFICATO DI FREQUENZA ALLA SCUOLA PER ANNO SCOLASTICO RICHIESTO

  • MODELLO ANF43 (AUTORIZZAZIONE) SE CONVIVENTI, SEPARATI O DIVORZIATI

  • REDDITI RELATIVI AI DUE ANNI PRECEDENTI OLTRE A QUELLO OGGETTO DI RICHIESTA

  • DATA ISCRIZIONE ALLA GESTIONE

  • CODICE IBAN BANCA O POSTA

  • AUTOCERTIFICAZIONE STATO DI FAMIGLIA

  • SR163 “IBAN BANCA O POSTA con timbro e firma”.

*SE CONIUGATI SERVE DATA MATRIMONIO


Assegno ordinario d’invalidità

  •  FOTOCOPIA CARTA IDENTITA’, CODICE FISCALE, PERMESSO DI SOGGIORNO

  • CODICE FISCALE DELLA MOGLIE CON DATA DI MATRIMONIO _____________

  • CODICE IBAN BANCA O POSTA

  • CERTIFICATO MEDICO SS3

  • ULTIMO MOD. 730


Disoccupazione agricola

Si richiede l’anno successivo l’interruzione del rapporto di lavoro, ENTRO IL 31 MARZO
Documenti necessari:

  • FOTOCOPIA CARTA IDENTITA’, CODICE FISCALE, PERMESSO DI SOGGIORNO

  • CODICE IBAN BANCA O POSTA

  • LETTERA DI LICENZIAMENTO, LETTERA DI DIMISSIONI CONVALIDATA DALL’ISPETTORATO DEL LAVORO, CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

  • SR163 “IBAN BANCA O POSTA con timbro e firma”.

  • ISCRIZIONE DID (va fatta entro e non oltre i 15 giorni dalla cessazione)


Bonus bebè

Riconosciuto ai bambini nati nel 2015, 2016 e 2017.
La domanda va presentata entro 90 giorni dalla nascita del bambino per decorrenza economica pari al mese di nascita del neonato, se presentata dopo la decorrenza equivale al mese di inoltro della domanda.
Requisiti:

  • Cittadini italiani o cittadini extracomunitari in possesso di permesso di soggiorno di lunga durata

  • Convivenza con il figlio

  • ISEE fino a 7000€ da diritto a 160€ mensili, ISEE fino a 25000€ da diritto a 80€ mensili

Documenti:

  • FOTOCOPIA CARTA D’IDENTITA’, CODICE FISCALE, PERMESSO SOGGIORNO DI TUTTO IL NUCLEO

  • ATTESTAZIONE ISEE (IL DICHIARANTE ISEE DEVE ESSERE LO STESSO DEL RICHIEDENTE DEL BONUS)

  • AUTOCERTIFICAZIONE DELLO STATO DI FAMIGLIA DEL RICHIEDENTE

  • SR163 “IBAN BANCA O POSTA con timbro e firma”.


Domanda di reversibilità

  • FOTOCOPIA CARTA D’IDENTITA’ E CODICE FISCALE

  • CODICE FISCALE DEL CONIUGE

  • CODICE IBAN DELLA BANCA O POSTA (NUOVO)

  • DATA DI MATRIMONIO

  • DATA DI MORTE

  • SE FATTO UTLIMO MODELLO 730

 

Autorizzazione ANF—-> Scarica il modulo


Maternità anticipata

È una domanda che in teoria adesso viene già trasmessa dall’ispettorato del lavoro o dall’asl provinciale.
Documenti necessari:

  • FOTOCOPIA CARTA IDENTITA’, CODICE FISCALE, PERMESSO SOGGIORNO RICHIEDENTE

  • DICHIARAZIONE ASTENSIONE ANTICIPATA RILASCIATA DAL MINISTERO DEL LAVORO O DALL’ASL PROVINCIALE

  • DICHIARAZIONE DEL GINECOLOGO CON D.P.P.

ENTRO UN MESE DALLA NASCITA DEVONO PORTARE:

  • CERTIFICATO DI ASSISTENZA AL PARTO

  • CODICE FISCALE NEONATO RILASCIATO DALL’ANAGRAFE


Maternità facoltativa

È un periodo di astensione facoltativa riconosciuto ai lavoratori dipendenti, ha una durata di 6 mesi che possono essere richiesti anche in maniera frazionata entro i 12 anni di età del bambino:

  1. Fino a 6 anni retribuzione pari al 30% dello stipendio,

  2. Da 6 a 8 anni pagamento pari al 30% se reddito individuale del genitore inferiore a 2,5 volte l’importo annuo del trattamento minimo di pensione,

  3. Da 8 a 12 anni periodo riconosciuto ma non indennizzabile.

Documenti necessari:

  • FOTOCOPIA CARTA IDENTITA’, CODICE FISCALE, PERMESSO SOGGIORNO RICHIEDENTE, PADRE, NEONATO

  • BUSTA PAGA DI ENTRAMBI I GENITORI

  • PERIODO ESATTO DA RICHIEDERE

  • NUMERO ESATTO DEI GIORNI GIAFRUITI DA ENTRAMBI I GENITORI

*LA DOMANDA VA TRASMESSA CON UN MINIMO DI ANTICIPO RISPETTO IL PERIODO DA RICHIEDERE, MEGLIO SE 30 GIORNI PRIMA


Maternità obbligatoria dipendente

Domanda per periodo pari a 5 mesi di astensione dal lavoro, può essere 1+4 o 2+3
Documenti necessari:

  • FOTOCOPIA CARTA IDENTITA’, CODICE FISCALE, PERMESSO SOGGIORNO RICHIEDENTE

  • CERTIFICATO DEL GINECOLOGO CON D.P.P.

  • CERTIFICATO MEDICO AZIENDALE E CERTIFICATO MEDICO GINECOLOGO ATTESTANTE CHE LA SCELTA 1+4 NON METTE A RICHIO LA VITA DEL BAMBINO

  • CODICE IBAN BANCA SE COLLABORATRICI DOMESTICHE

ENTRO UN MESE DALLA NASCITA DEVONO PORTARE:

  • CERTIFICATO DI ASSISTENZA AL PARTO

  • CODICE FISCALE NEONATO RILASCIATO DALL’ANAGRAFE


Maternità obbligatoria autonome o gestione separata

Domanda da presentare entro e non oltre un anno del bambino.
Documenti necessari:

  • FOTOCOPIA CARTA IDENTITA’, CODICE FISCALE, PERMESSO SOGGIORNO RICHIEDENTE

  • CERTIFICATO GINECOLOGO CON DPP

  • CERTIFICATO DI ASSISTENZA AL PARTO

  • CODICE FISCALE NEONATO

  • MODELLI F24 PAGATI DEI TRIMESTRI IN CUI SI COLLOCANO I MESI DI MATERNITA

  • SR163 “IBAN BANCA O POSTA con timbro e firma”.

  • DATA ISCRIZIONE ALLA GESTIONE


Naspi

Domanda da presentare entro e non oltre i 68 giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro.
Documenti necessari:

  • FOTOCOPIA CARTA IDENTITA’, CODICE FISCALE, PERMESSO DI SOGGIORNO

  • SR163 “IBAN BANCA O POSTA con timbro e firma”.

  • LETTERA DI LICENZIAMENTO, LETTERA DI DIMISSIONI CONVALIDATA DALL’ISPETTORATO DEL LAVORO, CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO E LE ULTIME TRE BUSTE PAGHE.

  • ISCRIZIONE DID (va fatta entro e non oltre i 15 giorni dalla cessazione)


Permessi legge 104

Riconoscimento giornalieri (3 giorni nel mese, in maniera continuativa o frazionata).

  • FOTOCOPIA CARTA IDENTITA’, CODICE FISCALE, DEL RICHIEDENTE E DELLA PERSONA DISABILE.

  • COPIA VERBALE SANITARIO ( RICONOSCIMENTO L.104 ART.3 COMMA3).

  • COPIA BUSTA PAGA


Richiesta di disoccupazione

Come avviene il pagamento
L’ANF viene pagato:


    • dal datore di lavoro, per conto dell’INPS, ai lavoratori dipendenti in attività, in occasione del pagamento della retribuzione;



    • dall’INPS se il richiedente è: addetto ai servizi domestici, operaio agricolo dipendente a tempo determinato o lavoratore iscritto alla gestione separata (ovvero se ha diritto agli assegni come beneficiario di altre prestazioni previdenziali).Il pagamento effettuato direttamente dall’INPS è disposto tramite bonifico presso ufficio postale o mediante accredito su conto corrente bancario o postale, indicando nella domanda il codice IBAN.


Domanda obbligatoria per CONVIVENTI, SEPARATI, DIVORZIATI, NONNI CON A CARICO I NIPOTI

Documenti necessari:

  • DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA FIRMATA DAL GENITORE CHE NON PRENDERAGLI ASSEGNI

  • FOTOCOPIA CARTA IDENTITA’, CODICE FISCALE E PERMESSO DI SOGGIORNO DI TUTTO IL NUCLEO

  • AUTOCERTIFICAZIONE DELLO STATO DI FAMIGLIA DEL RICHIEDENTE

  • MODELLO ANF43 (VECCHIA AUTORIZZAZIONE) SE RINNOVO AUTORIZZAZIONE

  • CERTIFICATO DI FREQUENZA ALLA SCUOLA, ANCHE PER NIDO E MATERNA, DALLA DATA DI RICHIESTA AUTORIZZAZIONE

  • FOTOCOPIA ULTIMA BUSTA PAGA

  • COPIA SETENZA SEPARAZIONE O DIVORZIO CON OMOLGA

  • DICHIARAZIONE ATTESTANTE LO STATO DI DISOCCUPAZIONE DEI GENITORI IN CASO DI RICHIESTA DA PARTE DEI NONNI

*SE SI TRATTA DI RINNOVO, LA DOMANDA NON PUOESSERE INOTRATA PRIMA DEL MESE IN CUI SCADE.

 

Per maggiori informazioni clicca qui.