SIA - Sostegno inclusione attivaSono state fissate le linee guida, i criteri e le procedure operative per l’avvio della misura SIA (sostegno all’inclusione attiva).

Con la legge di stabilità 2016 è stato istituito presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, un fondo finalizzato all’attuazione di un piano nazionale per la lotta alla povertà e per l’inclusione sociale, da cui è nato poi il Sostegno per l’Inclusione attiva.L’INPS ha annunciato i dettagli del sussidio con la circolare n.133 del 19 luglio 2016.

Il SIA prevede l’erogazione di un sussidio economico alle famiglie in difficoltà, in presenza di determinati requisiti, e subordinata alla partecipazione di tutti i membri del nucleo famigliare  ad un progetto di attivazione sociale e lavorativa predisposto dai servizi sociali del comune di residenza.

Per procedere con la richiesta del SIA, il richiedente all’atto della domanda deve:

  • essere cittadino italiano o comunitario ovvero familiare di cittadino italiano o comunitario titolare del diritto di soggiorno ovvero cittadino straniero in possesso del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo;

  • essere residente in Italia da almeno due anni.

Nessun componente della famiglia deve risultare in possesso di autoveicoli immatricolati la prima volta nei dodici mesi antecedenti la richiesta; autoveicoli di cilindrata superiore a 1.300 cc (250 cc nel caso di motoveicoli) immatricolati la prima volta nei tre anni precedenti la richiesta. Il comune interessato sarà incaricato della verifica di questi requisiti.

Il nucleo familiare deve possedere i seguenti requisiti (nel momento della domanda):

  • almeno uno tra: un componente di età minore ai 18 anni,una persona con disabilità e almeno un suo genitore, una donna in stato di gravidanza accertata

  • ISEE inferiore o uguale a 3.000 euro

  • eventuali trattamenti economici di natura previdenziale o assistenziale non superiori a 600 euro mensili

Nessun componente del nucleo deve risultare titolare di prestazioni di assicurazione sociale per l’impiego (NASpI), assegno di disoccupazione (ASDI), altro ammortizzatore sociale di sostegno al reddito in caso di disoccupazione involontaria, carta acquisti sperimentale.

Inoltre, la valutazione multidimensionale del bisogno riferita alle condizioni del nucleo familiare deve essere superiore o uguale ad un valore di 45 attribuito in base ai criteri specificati nel decreto 26/05/2016 (art.4 comma 3 lettera c).

L’accertamento dei requisiti elencati spetta all’INPS e devono essere posseduti, sia dal richiedente, sia dal nucleo familiare per l’intera durata di erogazione del SIA.

Il sostegno economico viene concesso con cadenza bimestrale in relazione alla composizione del nucleo familiare, con questa ripartizione:

  • 1 membro: 80 euro

  • 2 membri: 160 euro

  • 3 membri: 240 euro

  • 4 membri: 320 euro

  • 5 o più membri: 400 euro

Le domande di richiesta del SIA possono essere presentate al comune interessato dal 2 settembre 2016.

Per rimanere informato su tutte le novità relative ai servizi fiscali e sociali, iscriviti alla Newsletter di Cia Mi-Lo-Mb.