“Da anni soffriamo – dice il presidente di Cia Dino Scanavino – di un grave decadimento qualitativo e quantitativo della genetica italiana. I servizi di riproduzione dovrebbero rappresentare un punto di forza invece sono un elemento di debolezza”.

Fonte: Informatore Agrario