Sono arrivati i primi semi Verdure esotichedal resto del mondo, e Nutrire la Città che Cambia è giunta anche nelle scuoleDalla mappatura ai campi. Nutrire la Città che Cambia prosegue il suo cammino per rendere Milano più accogliente, per questo sta iniziando la prima semina di verdure esotiche in città e nell’area metropolitana. Dopo l’accoglienza partecipata delle comunità migranti e la prima fase di censimento dell’esistente stanno partendo le semine nelle aziende, e anche negli orti scolastici.
Il progetto di coltivazioni urbane e periurbane a filiera corta è infatti diventato anche uno strumento educativo con il primo orto scolastico. Per questo motivo abbiamo deciso di seminare pubblicamente con i bambini le prime piante di verdure esotiche (Ajì Limo, Ajì Escabeche, Rocoto, Camote, Mulukhiyah, Cumino, Zenzero, Cilantro e Cavolo Cinese) sabato 17 maggio p.v. alle 11.30, presso l’orto dell’Istituto Scolastico Casa del Sole (ex Trotter) in via Giacosa 46 a Milano.

Nutrire la città che cambia
L’occasione della semina primaverile coincide con la manifestazione Via Padova è meglio di Milano, che simboleggia l’accoglienza della nostra città, di cui l’alimentazione, quindi le coltivazioni, sono un cardine.
Nutrire la Città che Cambia è un progetto triennale di sperimentazione colturale di ortaggi esotici che si svolge in aziende agricole lombarde promosso da Ases, Associazione Solidarietà e Sviluppo, cofinanziato da Confederazione Italiana Agricoltori, patrocinato da Comune di Milano ed Expo 2015, e sostenuto da Fondazione Cariplo.

Nutrire la città che cambia