La Cia sui dati diffusi dall’Istat e relativi al secondo trimestre dell’anno: difficile immaginare uno scenario peggiore, soprattutto al Sud. Occorre un cambio di marcia con misure “ad hoc” per rilanciare il potere d’acquisto degli italiani.
Sull’inflazione è difficile pensare a uno scenario peggiore: i prezzi dei beni sono in deflazione dello 0,1 per cento e, in particolare, i listini dei prodotti alimentari freschi come frutta e ortaggi crollano ai minimi segnando 1,5 per cento. E’ chiaro, quindi, che serve un deciso cambio di marcia, con interventi immediati a sostegno del potere d’acquisto delle famiglie, soprattutto al Sud dove l’incidenza di povertà tocca quasi una famiglia su tre. Lo afferma la CiaConfederazione italiana agricoltori, in merito ai dati Istat nel secondo trimestre dell’anno.
La dinamica dell’inflazione continua a riflettere la debolezza della domanda interna sottolinea la Cia con gli italiani costretti dalla crisi persistente a tagliare i consumi, anche quelli incomprimibili come i generi alimentari. Basti pensare che nell’ultimo anno il 65 per cento delle famiglie ha dovuto ridurre quantità e qualità del cibo acquistato, percentuale che però arriva al 77 per cento nel Mezzogiorno. Non solo: ben 3,3 milioni di famiglie (oltre il 14 per cento) ormai si rivolgono agli “hard discount” – le cattedrali del prodotto low-cost indifferenziato – per la spesa alimentare, mettendo completamente da parte elementi un tempo decisivi nell’acquisto come la marca.