collegato agricoloIl Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali annuncia l’approvazione definitiva in Senato del collegato agricolo.

Tale provvedimento è finalizzato a migliorare il settore agricolo, tramite novità normative che favoriscano innovazione, semplificazione, tutela del reddito, ricambio generazionale e che interessano politiche per filiere specifiche, quali: birra artigianale, pomodoro, riso, biologico, pesca.

Il Ministro Maurizio Martina commenta la notizia affermando: “Il collegato agricolo è un provvedimento fondamentale che arriva alla fine di un lungo e approfondito lavoro in Parlamento. Come Governo raccogliamo la sfida di innovare e sviluppare un settore cardine per l’economia italiana. (...) C’è tanto lavoro da fare, siamo pronti a dare il massimo impegno”.

 

Le principali riforme sono le seguenti:

Semplificazioni e controlli

  • Riduzione da 180 a 60 giorni dei tempi per aprire un’azienda agricola;

  • Taglio della burocrazia per la produzione dell’olio, grazie all’eliminazione del fascicolo aziendale per produzioni inferiori a 350 kg;

  • Introduzione di sanzioni in caso di mancata iscrizione all’Anagrafe apistica.

Ricambio Generazionale

Delega al Governo per disciplinare le forme di affiancamento tra agricoltori over 65 o pensionati e giovani tra i 18 e i 40 anni che non siano proprietari di terreni agricoli.

Innovazione

  • Innovazione tecnologica, informatica e dell’agricoltura di precisione;

  • Trasferimento di conoscenze dal campo della ricerca al settore primario, tra gli ambiti operativi del sistema di consulenza per i beneficiari dei contributi PAC.

POLITICHE PER LE FILIERE

Birra Artigianale

  • Introduzione nell’ordinamento italiano della definizione di birra artigianale come “birra prodotta da piccoli birrifici indipendenti e non sottoposta, durante la fase di produzione, a processi di pastorizzazione e microfiltrazione”;

  • Sviluppo della filiera del luppolo in Italia.

Pomodoro

Tutela e promozione della qualità delle produzioni, applicazione di disposizioni specifiche su etichettatura, confezionamento e sulle sanzioni in caso di violazioni della normativa.

Riso

  • Tutela delle varietà tipiche italiane e sostegno al miglioramento genetico delle nuove specie;

  • Valorizzazione della produzione come espressione del valore culturale paesaggistico e ambientale di un territorio;

  • Tutela del consumatore;

  • Istituzione di un registro per la classificazione delle nuove varietà;

  • Disciplina dell’apparato sanzionatorio e individuazione dell’Autorità competente in materia;

  • Promozione di sistemi volontari di tracciabilità del riso.

Biologico

Semplificazione informatica con la creazione del Sistema informativo per il biologico (SIB)

Pesca

  • Rafforzamento delle sanzioni in materia di pesca e acquacoltura, con introduzione di depenalizzazioni;

  • Sanzioni per il contrasto al bracconaggio ittico nelle acque interne.

Per maggiori informazioni sulle novità del Collegato agricolo clicca qui.